Verde di casa, i consigli per i lavori in giardino

13 Aprile 2018

Come rimettere ordine nel nostro giardino dopo l’inverno? Qualche informazione utile per dare nuova bellezza e salute al proprio angolo di natura e serenità

L’inverno è finito da un pezzo, la primavera è già nel suo fulgore e i primi caldi fanno sognare l’estate. Tutto invita a mettersi in movimento e a ridare colore e nuova vita alla propria abitazione. Più o meno negli stessi giorni in cui qualcuno si occupa del cambio dell’armadio c’è qualcun’altro che esce dalla porta di casa, si guarda un po’ intorno e… si mette le mani nei capelli.

Il giardino, la piccola oasi di verde che ci isola dal resto del mondo e che molto spesso è stata l’elemento che ci ha fatto scegliere proprio la casa in cui viviamo, è un disastro. La brutta stagione ha rovinato il manto erboso che ora sta già ricrescendo irregolare e disordinato; le piante sono prostrate, alcune sono morte e vanno sostituite; la siepe sembra una giungla. Insomma, bisogna darsi da fare perché possa ritornare lo spazio di relax e bellezza che ci allieterà fino alla fine dell’estate.

Già, ma da dove cominciare? Niente paura, seguendo alcuni piccoli consigli potrete far rinascere il vostro spazio verde senza dover ricorrere all’opera di un giardiniere professionista. Eccone alcuni:

– Se non ci avete pensato prima, evitate di spostare le piante già a dimora perché farlo a primavera inoltrata potrebbe farle morire. Se volete aggiungere invece nuovi fiori o sostituire quelli che non hanno superato i rigori dell’inverno siete però ancora in tempo per nuovi impianti. Quasi tutti i tipi di fiori possono essere piantati entro maggio, per le piante da frutto invece è un po’ tardi: se decidete di farlo sappiate che molto probabilmente daranno i primi frutti l’anno prossimo. Prima della piantagione è bene però curare il terreno, zappettandolo un po’ e aggiungendo  terriccio soffice e ricco, un po’ di sabbia e concime organico. Fatto questo, si possono interrare le nuove piante fino al livello a cui giungeva la terra quando si trovava in vaso.

– Bisogna prendersi cura anche delle piante già esistenti. Per prima cosa vanno potate delle ramaglie, un’operazione semplice ma che richiede qualche attenzione per non rovinare la loro forma. Dopo la potatura è importante, per la loro salute, aspergerle con una soluzione composta da 30/35 grammi di verderame sciolto in 10 litri di acqua. Lo si può fare con una pompa a spalla o, se avete un giardino di dimensioni contenute, anche con meno impegnativi nebulizzatori a flacone.

– Serve poi una buona concimazione: si può interrare concime organico ai piedi di alberi e arbusti oppure apporre alla loro base del concime granulare a lenta cessione. Ricordate invece che le piante erbacee perenni e annuali hanno bisogno di essere fertilizzate ogni 7-10 giorni, mescolando il concime all’acqua delle annaffiature.

– È quindi il momento di concentrarsi sul manto erboso, da cui dipende gran parte della bellezza del giardino. Se l’inverno lo ha lasciato poco folto o con zone senza erba occorre rinfoltirlo. Prima però è bene tagliare l’erba che è già ricresciuta, rendendo il manto omogeneo.

Occorre anche arieggiarlo e lo si può fare con un rastrello appuntito o con un mezzo meccanico apposito: lo scopo è creare dei veri e propri tagli nel terreno per permettere all’ossigeno di penetrare in profondità. Molto probabilmente nelle zone umide e meno esposte al sole si sarà formato del muschio che può essere rimosso trattandolo con solfato di ferro.

Per rinfoltire il manto si deve spargere sul terreno del terriccio specifico per tappeti erbosi (si tratta di un composto già arricchito con fertilizzante e alleggerito con sabbia e torba). Ci si può aiutare con un rastrello per spanderlo in modo uniforme prima di spargere la semente. Una volta seminato ricordiamoci di annaffiare in abbondanza il prato ogni 2-3 giorni. Per il mantenimento vanno effettuati sfalci frequenti, sempre lasciando una lunghezza di 3-4 centimetri per non far bruciare la radice dell’erba dal sole. Fino all’inizio dell’estate è opportuno concimare il prato con prodotti specifici ogni 2-3 sfalci.

 

L’occasione del bonus verde

Un’ottima opportunità per chi vuole rimettere mano allo spazio verde della propria casa, fare qualche lavoro o dotarsi di nuovi impianti, è offerta dal cosiddetto “bonus verde“, introdotto nel 2018. Si tratta di una detrazione IRPEF del 36% sulle spese – non superiori a 5.000 euro per unità immobiliare (la detrazione massima è quindi di 1.800 euro) – relative ad alcuni interventi sul verde e sui giardini.

Gli interventi per cui è ammessa la spesa in detrazione riguardano:

– sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi

– realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Sono detraibili anche eventuali spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

 

https://edil.webinfinity.it/wp-content/uploads/2024/01/farocasa.2021.11-pdf-724x1024-1.jpg

È disponibile l'ultimo numero di FARÒCASA!

Faròcasa è una pubblicazione che nasce nel 2009 con il duplice intento di rappresentare una guida, un “Faro”, per chi naviga nell’intrigato mare delle problematiche – ma anche delle opportunità! – legate al mondo immobiliare e del vivere serenamente la propria abitazione e dall’altro uno strumento, “Farò casa”, per chi sogna finalmente di poter acquistare, realizzare o ristrutturare la casa dei propri sogni.

I NOSTRI CONTATTIinfo@ediltecnica.it

ORARIO D'APERTURA
Lun - Ven 8.30-12.30 / 14.30-18.30
Sabato e Domenica CHIUSO
INDIRIZZO
Corso Giuseppe Mazzini, 227
40062 Molinella (BO)
TELEFONO
+39 051 880 101

Copyright © 2024 Ediltecnica s.r.l. – P.IVA: 00591101209 C.F.: 03040320370
Corso Giuseppe Mazzini, 227 – 40062 Molinella (BO)
REA: BO-258879 – Capitale Sociale: € 110.000 i.v.